Potrebbe Zolfo carenza essere una Contribuire …

Potrebbe Zolfo carenza essere una Contribuire ...

1. Introduzione

Lo zolfo è trovato in un gran numero di alimenti, e, di conseguenza, si presume che quasi tutta la dieta da soddisfare i requisiti minimi giornalieri. Ottime fonti sono le uova, cipolle, aglio e verdure a foglia verde scuro come cavoli e broccoli. Carni, noci, frutti di mare e contengono anche zolfo. Metionina, un aminoacido essenziale, in quanto non siamo in grado di sintetizzare da soli, si trova principalmente in albumi e pesce. Una dieta ricca di cereali come pane e cereali è probabile che sia carente di zolfo. Sempre più spesso, cibi integrali come il mais e la soia sono smontati in più parti con nomi chimici, e poi riassemblati in cibi fortemente trasformati. Lo zolfo è perso lungo la strada, e vi è una mancanza di consapevolezza che questo conta.

agricoltori moderni si applicano fertilizzante altamente concentrato al loro suolo, ma questo fertilizzante è tipicamente ricche di fosfati e spesso non contiene zolfo. fosfati in eccesso interferiscono con l’assorbimento dello zolfo. In passato, i residui di materia e di piante organiche rimasti dopo la frutta e grano sono state raccolte. Tale accumulo di sostanza organica utilizzata per essere una delle principali fonti di zolfo riciclabile. Tuttavia, molti metodi macchine basati moderni rimuovere molto di più della sostanza organica in aggiunta alle porzioni commestibili della pianta. Così lo zolfo nella materia organica in decomposizione è anche perso.

Si stima che gli esseri umani ottengono circa il 10% del loro approvvigionamento di zolfo dall’acqua potabile. Sorprendentemente, le persone che bevono acqua dolce hanno un aumentato rischio di malattie cardiache rispetto alle persone che bevono acqua dura [Crawford1967]. Molti possibili ragioni sono state proposte per il motivo per cui questo potrebbe essere vero (proposto teorie per / differenze acqua dolce acqua dura a malattie cardiache), e quasi ogni traccia di metallo è stato considerato come una possibilità [Biorck1965]. Tuttavia, credo che la vera ragione potrebbe essere semplicemente che l’acqua dura è più probabile che contengono zolfo. Lo ione solfato è la forma più utile di zolfo per gli umani ingerire. addolcitori d’acqua forniscono un ambiente ideale per i batteri di zolfo di riduzione, che convertono solfato (SO4 -2) in solfuro (S -2), emettono gas idrogeno solforato. gas solfuro di idrogeno è un veleno che è stato conosciuto per causare nausea, malattia e, in casi estremi, la morte. Quando i batteri sono fiorente, il gas si diffonderà nell’aria ed emanano un cattivo odore. Ovviamente, è raro che la concentrazione è sufficientemente elevata da causare gravi problemi. Ma lo ione solfato è perso attraverso il processo. L’acqua che è naturalmente morbida, come acqua raccolta dalla pioggia deflusso, contiene poco o niente zolfo, perché è passato attraverso un ciclo di evaporazione-condensazione, che lascia dietro tutte le molecole più pesanti, compreso zolfo.

2. Zolfo Disponibilità e tassi di obesità

L’ultima fonte di zolfo è roccia vulcanica, principalmente di basalto, vomitati dal nucleo della terra durante le eruzioni vulcaniche. Si ritiene generalmente che gli esseri umani si sono evoluti prima da un antenato comune, ape nella zona di rift africano, una regione che avrebbe goduto di una grande varietà di zolfo dovuta all’attività vulcanica pesante lì. I tre principali fornitori di zolfo per le nazioni occidentali sono la Grecia, l’Italia e il Giappone. Questi tre paesi godono anche bassi tassi di malattie cardiache e obesità e una maggiore longevità. In Sud America, una linea di vulcani traccia la spina dorsale di Argentina. Argentini hanno un tasso di obesità molto più basso rispetto ai loro vicini ad est del Brasile. Negli Stati Uniti, Oregon e Hawaii, due stati con una significativa attività vulcanica, hanno tra i più bassi tassi di obesità nel paese. Al contrario, i tassi di obesità più alti si trovano nel paese fattoria del Midwest e del sud: l’epicentro delle moderne pratiche agricole (mega aziende agricole) che portano alla deplezione di zolfo nel terreno. Tra tutti i cinquanta Stati, Oregon ha il più basso tasso di obesità infantile. Significativamente, i giovani delle Hawaii ‘s stanno andando meno bene rispetto ai loro genitori: mentre Hawaii classifica come il quinto dal basso dei tassi di obesità, i suoi bambini di età compresa 10-17 pesare al numero 13. Come Hawaii è recentemente diventata sempre più dipendente dalle importazioni di prodotti alimentari provenienti da la terraferma per fornire le loro esigenze, hanno sofferto di conseguenza con maggiori problemi di obesità.

A mio avviso, la chiave per la buona salute islandesi si trova nella stringa di vulcani che compongono la spina dorsale dell ‘isola, che si trova in cima alla cresta dorsale medio-atlantica. Dr. Miller ha sottolineato (p. 136) che l’esodo di massa verso il Canada era dovuto ad ampie eruzioni vulcaniche in alla fine del 1800 che ricoprivano la regione sud-est coltissimo del paese. Questo significa, naturalmente, che i terreni sono altamente arricchito in zolfo. I cavoli, barbabietole e patate che sono graffette della dieta islandese sono probabilmente fornendo molto più di zolfo per gli islandesi rispetto ai loro omologhi nella dieta americana forniscono.

3. Perché zolfo carenza portare all’obesità?

Per riassumere quanto è stato detto finora, (1) prodotti alimentari sono sempre esauriti in zolfo, e (2) luoghi con depositi naturalmente ad alto contenuto di zolfo godono di una protezione contro l’obesità. Ora arriva il difficile domanda: perché la carenza di zolfo portare all’obesità? La risposta, come gran parte della biologia, è complicato, e parte di quello che teorizzo è congetture.

Lo zolfo è conosciuto come un minerale di guarigione, e una carenza di zolfo porta spesso a dolore e l’infiammazione associata con varie muscolare e disturbi scheletrici. Lo zolfo ha un ruolo in molti processi biologici, uno dei quali è il metabolismo. Lo zolfo è presente in insulina, l’ormone essenziale che promuove l’utilizzazione di zucchero derivato dai carboidrati per il carburante nelle cellule muscolari e adipose. Tuttavia, la mia vasta ricerca bibliografica mi ha portato a due molecole misteriose presenti nel flusso sanguigno e in molte altre parti del corpo: la vitamina D3 solfato e colesterolo solfato [Strott2003]. Dopo l’esposizione al sole, la pelle sintetizza la vitamina D3 solfato, una forma di vitamina D che, a differenza solforato vitamina D3, è solubile in acqua. Di conseguenza, può viaggiare liberamente nel sangue invece di essere confezionato all’interno LDL (il cosiddetto "cattivo" colesterolo) per il trasporto [Axelsona1985]. La forma di vitamina D che è presente in entrambi latte umano [Lakdawala1977] e di vacca latte crudo [Baulch1982] è solfato di vitamina D3 (pastorizzazione distrugge nel latte vaccino, e il latte viene poi artificialmente arricchita con vitamina D2, un solforato origine vegetale forma di vitamina).

Come la vitamina D3 solfato, colesterolo solfato è anche solubile in acqua, ed anche, a differenza del colesterolo, non deve essere confezionato all’interno LDL per la consegna ai tessuti. Tra l’altro, la vitamina D3 viene sintetizzata attraverso un paio di semplici passi da colesterolo, e la sua struttura chimica è, di conseguenza, quasi identica a quella del colesterolo.

Qui mi pongo la domanda interessante: da dove vengono la vitamina D3 e solfato di colesterolo solfato di andare una volta che sono nel flusso sanguigno, e quale ruolo svolgono nelle cellule? Sorprendentemente, per quanto ne so, nessuno lo sa. È stato determinato che la forma solfatato di vitamina D3 è sorprendentemente inefficace per trasporto del calcio, il ben noto "primario" ruolo della vitamina D3 [Reeve1981]. Tuttavia, la vitamina D3 ha chiaramente molti altri effetti positivi (sembra che sempre più vengono scoperti ogni giorno), e questi includono un ruolo nella protezione del cancro, una maggiore immunità contro le malattie infettive, e la protezione contro le malattie cardiache (La vitamina D protegge contro il cancro e malattie autoimmuni). I ricercatori non hanno ancora capire come si realizza questi benefici, che sono stati osservati empiricamente ma rimangono fisiologicamente inspiegabile. Tuttavia, ho il forte sospetto che è la forma solfato di questa vitamina che crea un’istanza questi benefici, e le mie ragioni per questa convinzione sarà più chiaro in un momento.

4. Zolfo e metabolismo del glucosio

Lo zolfo è una molecola molto versatile, perché può esistere in diversi stati di ossidazione distinte, che vanno da +6 (nel radicale solfato) a -2 (in sulf idrogenoide ). Il glucosio, come un potente agente riducente, può causare notevoli danni glicazione di proteine ​​esposte, che porta alla formazione di Advanced glicazione Prodotti finali (di età) che sono estremamente distruttivo per la salute: si ritiene che essere un fattore importante di rischio di malattie cardiache [Brownlee1988 ]. Così, ipotizzo che se zolfo (+6) è reso disponibile al glucosio come esca, il glucosio viene deviata in riducendo lo zolfo anziché glycating alcune proteine ​​vulnerabili come mioglobina.

Nella ricerca sul Web, mi sono imbattuto in un articolo scritto nel 1930 circa la sorprendente capacità di solfato di ferro. in presenza di perossido di idrogeno agente ossidante, per abbattere amido in molecole semplici, anche in assenza di enzimi per catalizzare la reazione [Brown1936]. L’articolo acutamente ricordato che ferro funziona molto meglio di altri metalli, e solfato funziona molto meglio di altri anioni. Nel corpo umano, amido viene prima convertito in glucosio nel sistema digestivo. Le cellule muscolari e adipose solo bisogno di abbattere il glucosio. Così, il loro compito è più facile, perché il solfato di ferro sta cominciando da un prodotto intermedio composizione di amido, piuttosto che da amido stesso.

Dove sarebbe il solfato di ferro viene? Mi sembra che il solfato di colesterolo, avendo saltellando attraverso la membrana cellulare, potrebbe trasferire la sua solfato radicale al mioglobina, la cui molecola di ferro potrebbe fornire l’altra metà della formula. Nel processo, la carica della molecola di zolfo dovrebbe essere guidato giù da +6 a -2, rilasciando energia e assorbire l’impatto degli effetti di riduzione di glucosio, e quindi serve come esca per proteggere le proteine ​​nella cellula dai danni glicazione.

5. sindrome metabolica

Un modo alternativo per ovecome difettoso metabolismo del glucosio di una cellula muscolare è di esercitare vigorosamente, in modo che il AMPK generato (un indicatore della carenza di energia) induce la GLUT4 migrare alla membrana anche in assenza di insulina [Ojuka2002]. Una volta che il glucosio è all’interno della cellula muscolare, tuttavia, il meccanismo di ferro-solfato appena descritto è disfunzionale, sia perché non c’è solfato colesterolo e perché non c’è acqua ossigenata. Inoltre, con l’esercizio fisico intenso c’è anche un ridotto apporto di ossigeno, in modo che il glucosio devono essere trattati in condizioni anaerobiche nel citoplasma per la produzione di lattato. Il lattato viene rilasciato nel flusso sanguigno e spedito al cuore e cervello, entrambi i quali sono in grado di utilizzare come combustibile. Ma la membrana cellulare rimane impoverito di colesterolo, e questo rende vulnerabile al futuro danno ossidativo.

Un altro modo per compensare il metabolismo del glucosio difettoso nelle cellule muscolari è quello di aumentare di peso. Le cellule di grasso devono ora convertire il glucosio in grasso e rilasciarlo nel sangue come i trigliceridi, per alimentare le cellule muscolari. Nel contesto di una dieta povera di grassi, carenza di zolfo diventa molto peggio un problema. carenza di zolfo interferisce con il metabolismo del glucosio, quindi è una scelta molto più sana per evitare semplicemente fonti di glucosio (carboidrati) nella dieta; vale a dire ad adottare una dieta molto povera di carboidrati. Poi il grasso nella dieta in grado di fornire i muscoli con il carburante, e le cellule di grasso non sono gravati da dover conservare così tanto grasso di riserva.

L’insulina sopprime il rilascio dei grassi dalle cellule adipose [Scappola1995]. Questo costringe le cellule di grasso per inondare il flusso sanguigno con trigliceridi, quando i livelli di insulina sono bassi, cioè dopo periodi prolungati di digiuno, come ad esempio durante la notte. Le cellule di grasso devono scaricare un numero sufficiente di trigliceridi nel sangue durante il digiuno periodi per alimentare i muscoli quando l’approvvigionamento alimentare di carboidrati mantiene elevati livelli di insulina, e il rilascio dei grassi dalle cellule adipose è repressa. Mentre i carboidrati nella dieta sono disponibili in, i livelli di zucchero nel sangue aumentano drammaticamente perché le cellule muscolari non possono utilizzarlo.

Il fegato elabora anche il glucosio in eccesso in grasso, e pacchetti in su in LDL, per promuovere combustibile di approvvigionamento delle cellule muscolari difettose. Il fegato è così preoccupato con glucosio e fruttosio trasformazione in LDL, cade dietro sulla generazione di HDL, "bene" colesterolo. Così il risultato è livelli elevati di LDL, trigliceridi, e di zucchero nel sangue, e ridotti livelli di HDL, quattro componenti principali della sindrome metabolica.

6. cellule adipose, macrofagi e Aterosclerosi

7. Lo zolfo e il morbo di Alzheimer

Per citare direttamente da quel sito: "Mentre alcuni farmaci o antibiotici possono rallentare, o se dovesse accadere, arrestare la progressione della malattia di Alzheimer, la supplementazione di zolfo ha il potenziale non solo di prevenzione, ma in realtà invertire la condizione, purché non è progredita a una fase in cui molti danni è stata fatto al cervello."

Sospetto che una carenza di colesterolo si produrrebbe se è insufficiente colesterolo solfato, perché colesterolo solfato probabilmente gioca un ruolo importante nella semina zattere lipidiche, mentre contemporaneamente arricchendo la parete cellulare del colesterolo. La cella sviluppa anche un insensibilità all’insulina, e, di conseguenza, metabolismo anaerobico viene favorita rispetto metabolismo aerobico, riducendo le possibilità per alfasinucleina ad ossidarsi. Ossidazione in realtà protegge l’alfa-sinucleina di fibrillazione, un necessario cambiamento strutturale per l’accumulo di corpi di Lewy nella malattia di Parkinson (e probabilmente anche la placca di Alzheimer) [Glaser2005]

8. è la pelle di una batteria a energia solare per il cuore?

Ritengo, innanzitutto, che la distinzione tra la vitamina D3 e vitamina D3-solfato è importante, e anche che la distinzione tra la vitamina D2 e ​​vitamina D3 è importante. La vitamina D2 è la forma della pianta vitamina – funziona in modo simile a D3 rispetto al trasporto del calcio, ma non può essere solfatati. Inoltre, a quanto pare il corpo non è in grado di produrre vitamina D3 solfato direttamente dalla vitamina D3 solforato [Lakdawala1977] (il che implica che produce la vitamina D3 solfato direttamente dal colesterolo solfato). Non sono a conoscenza di qualsiasi altra fonte di cibo, oltre crudo il latte che contiene vitamina D3 in forma solfato. Così, quando gli studi monitorare sia integratori di vitamina D o livelli sierici di vitamina D, non stanno ottenendo presso l’aspetto cruciale per la protezione del cuore, che credo sia il livello sierico di vitamina D3 solfato.

Permettetemi di riassumere, a questo punto in cui io sono su un terreno solido e dove sto speculando. È pacifico che la pelle sintetizza colesterolo solfato in grandi quantità, ed è stato suggerito che la pelle è il principale fornitore di colesterolo solfato di sangue [Strott2003]. La pelle sintetizza anche la vitamina D3 solfato, in seguito all’esposizione alla luce solare. La vitamina D3 è sintetizzato dal colesterolo, con ossisteroli (creati da esposizione al sole) come un passaggio intermedio (ossisteroli sono forme di colesterolo con gruppi idrossile attaccati in vari punti della catena di carbonio). Il corpo non può sintetizzare la vitamina D3 solfato dalla vitamina D3 [Lakdawala1977] quindi deve essere che solfatazione avviene prima, producendo colesterolo solfato o idrossi-colesterolo solfato, che viene quindi opzionalmente convertito in vitamina D3 solfato o spedito "come è."

Perché sto spendendo così tanto tempo a parlare di tutto questo? Beh, se ho ragione, poi la pelle può essere visto come una batteria a energia solare per il cuore, e che è un concetto straordinario. L’energia solare viene convertita in energia chimica nei legami ossigeno-zolfo, e poi trasportato attraverso i vasi sanguigni del cuore e nei muscoli scheletrici. Il solfato di colesterolo e vitamina D3 sufate sono portatori che forniscono l’energia (e l’ossigeno) "porta a porta" al cuore dell’individuo e cellule muscolari scheletriche.

Un altro contributo significativo è l’alta carboidrati, dieta povera di grassi, che porta a eccesso di glucosio nel sangue che glycates particelle di LDL e li rende inefficaci nel fornire colesterolo ai tessuti. Uno di questi tessuti è la pelle, così la pelle diventa ulteriormente impoverito in colesterolo a causa di danni glicazione di LDL.

9. Zolfo Carenza e deperimento muscolare Malattie

In navigazione sul Web, di recente ho sono imbattuto in un notevole articolo [Dröge1997] che sviluppa una teoria convincente che bassi livelli sierici di sangue di due molecole contenenti zolfo sono una caratteristica di un certo numero di malattie / condizioni. Tutte queste malattie sono associate con atrofia muscolare, nonostante una nutrizione adeguata. Gli autori hanno coniato il termine "La sindrome bassa di CG" per rappresentare questo profilo osservato. dove "CG" sta per l’aminoacido "cisteina," e il tripeptide "glutatione," entrambi i quali contengono una sulfidrilici radicale "-S-H" che è essenziale alla loro funzione. Il glutatione è sintetizzato dal aminoacidi cisteina, glutammato e glicina, e le figure carenza glutammato nel processo di malattia e, come discuterò più avanti.

L’elenco delle malattie / condizioni associate alla sindrome bassa di CG è sorprendente e molto rivelatrice: l’infezione da HIV, il cancro, lesioni importanti, sepsi (avvelenamento del sangue), la malattia di Crohn (sindrome dell’intestino irritabile), colite ulcerosa, sindrome da stanchezza cronica, e atletico eccessiva formazione. Il documento [Drage1997] è denso ma ben scritto, e include gli schemi informativi che spiegano i meccanismi di feedback intricati tra il fegato e dei muscoli che portano alla perdita di massa muscolare.

Inoltre, come si ricorderà, se ho ragione su colesterolo solfato di semina raft lipidici, poi, con un deficit di colesterolo solfato, l’ingresso di entrambi glucosio e grassi nella cellula muscolare sono compromessi. Questa situazione lascia la cella con poca scelta ma per sfruttare le sue proteine ​​interne come combustibile, che si manifesta come l’atrofia muscolare.

In sintesi, un certo numero di diversi argomenti portano all’ipotesi che la carenza di zolfo provoca il fegato di passare da produrre colesterolo solfato di arginina produrre (e ossido di azoto in seguito). Questo lascia l’intestino e le cellule muscolari vulnerabili ai danni di ossidazione, che possono spiegare sia l’infiammazione intestinale e l’atrofia muscolare associata alla malattia di Crohn.

Il sistema immunitario dipende colesterolo abbondante per difendersi da grave stress. Ho già sostenuto che il colesterolo alto nel siero è protettivo contro la sepsi. Vale la pena di ripetere qui l’abstract da [Wilson2003], che ha studiato i cambiamenti nei livelli di colesterolo nel sangue a seguito di traumi, infezioni, e insufficienza multiorgano:

10. Sommario

Anche se lo zolfo è un elemento essenziale nella biologia umana, si sente sorprendentemente poco di zolfo nelle discussioni sulla salute. Zolfo lega fortemente con l’ossigeno, ed è in grado di trasportare stabilmente una carica che vanno da +6 a -2, ed è quindi molto versatile nel sostenere metabolismo aerobico. C’è una forte evidenza che la carenza di zolfo ha un ruolo nelle malattie che vanno dal morbo di Alzheimer al cancro alle malattie cardiache. Particolarmente interessante è il rapporto tra deficit di zolfo e atrofia muscolare, una firma di cancro in fase terminale, l’AIDS, la malattia di Crohn e la sindrome da stanchezza cronica.

Nella mia ricerca di zolfo, sono stato attratto da due molecole misteriose: il colesterolo solfato e vitamina D3 solfato. I ricercatori non hanno ancora determinato il ruolo che il colesterolo solfato gioca nel flusso sanguigno, nonostante il fatto che è onnipresente lì. esperimenti di ricerca hanno chiaramente dimostrato che il colesterolo solfato è protettivo contro le malattie cardiache. Ho sviluppato una teoria propone che il colesterolo solfato è fondamentale per la formazione di zattere lipidiche, che, a loro volta, sono essenziali per il metabolismo del glucosio aerobico. Vorrei prevedere che le carenze del colesterolo solfato portano a gravi difetti nel metabolismo muscolare, e questo include il muscolo cardiaco. La mia teoria spiegherebbe il ruolo protettivo del colesterolo solfato di malattie cardiache e malattie muscolari sprecare.

Ho anche sostenuto che il colesterolo solfato trasporta ossigeno alla mioglobina nelle cellule muscolari, con conseguente trasporto di ossigeno sicuro ai mitocondri. Io sostengo un ruolo simile per l’alfa-sinucleina nel cervello. Esiste una relazione notevole fra Alzheimer e deplezione di zolfo nei neuroni del cervello. Lo zolfo gioca un ruolo chiave nel protectiing proteine ​​in neuroni e cellule muscolari dal danno ossidativo, pur mantenendo un adeguato apporto di ossigeno ai mitocondri.

Colesterolo solfato nell’epitelio protegge dall’invasione di patogeni attraverso la pelle, che riduce notevolmente l’onere per il sistema immunitario. Forse la possibilità più intrigante qui presentato è l’idea che lo zolfo fornisce un modo per la pelle a diventare una batteria a energia solare: per immagazzinare l’energia dalla luce solare come energia chimica nella molecola solfato. Questo mi sembra uno schema molto sensibile e pratico, e la biochimica coinvolti è stato dimostrato di lavorare nei batteri fototrofi zolfo metabolizzare trovati nelle sorgenti calde di zolfo.

La pelle produce vitamina D3 solfato in seguito all’esposizione alla luce solare, e la vitamina D3 presente nel latte materno è anche solfato. Alla luce di questi fatti, è abbastanza sorprendente per me che così poca ricerca è stata diretta verso la comprensione che ruolo della vitamina D3 solfato gioca nel corpo. E ‘stato recentemente diventando evidente che la vitamina D3 promuove un sistema immunitario forte e offre protezione contro il cancro, ma come si raggiunge questi benefici non è affatto chiaro. Ho il forte sospetto che sia la vitamina D3 solfato che svolge questo aspetto della influenza positiva della vitamina D3.

Fortunatamente, correggere queste carenze a livello individuale è facile e semplice. Se solo buttare via la crema solare e mangiare più uova, queste due passi da solo può aumentare notevolmente le possibilità di vivere una vita lunga e sana.

Riferimenti

1. Axelson1985
Magnus Axelson, "25-idrossivitamina D3 3-solfato è una forma importante di vitamina D circolante nell’uomo," FEBS Letters (1985), Volume 191, Issue 2, 28 ottobre, pagine 171-175; doi: 10,1016 / 0014-5793 (85) 80002-8

2. Crawford1967
T. Crawford e Margaret D. Crawford, "Prevalenza e patologici cambiamenti di ischemica cardiaca da malattia in un hard-acqua e in una zona Soft-acqua," The Lancet (1967) Sabato 4 febbraio

3. Biorck1965
Biorck, G. Bostrom, H. Widstrom, A. "Oligoelementi e le malattie cardiovascolari", Acta med. Scand. (1965) 178, 239.

4. Brownlee1988
Brownlee M, Cerami A e Vlassara H. "prodotti finali di glicosilazione avanzata nel tessuto e la base biochimica delle complicanze diabetiche." N Engl J Med (1988) 318: pp. 1315¬1321.

8. Cinti2005
Cinti S, Mitchell G, Barbatelli G, Murano io, Ceresi E, Faloia E, Wang S, M Fortier, Greenberg AS e Obin MS. "Denes morte degli adipociti macrofagi localizzazione e la funzione del tessuto adiposo di topi obesi e gli esseri umani." J Lipid Res (2005) 46: pp. 2347-2355.

11. Dröge1997
wulf DröGE e Eggert Holm, "Ruolo di cisteina e glutatione nelle infezioni H1V e di altre malattie associate con atrofia muscolare e disfunzione immunologica," Il FASEB Journal (1997) Vol. 11 novembre, pp. 1077-1089.

12. Drolet2003
Marie-Claude Drolet, Marie Arsenault, e Jacques Couet, "Sperimentale valvola aortica Stenosi in conigli," Marmellata. Coll. Cardiol. (2003) Vol. 41, pp. 1211-1217.

13. Glaser2005
Charles B. Glaser, Ghiam Yamin, Vladimir N. Uversky, e Anthony L. Fink, "ossidazione metionina, un sinucleina e il morbo di Parkinson," Biochimica et Biophysica Acta (2005) Vol. 1703, pp. 157-169

14. Grimes1996
D.S. Grimes, E. Hindle, e T. Dyer, "La luce del sole, il colesterolo e la malattia coronarica." D. J. Med. (1996) 89: 579-589.

16. Inoue2006
Inoue, M. Chiang, S.H. Chang, L. Chen, X.W. e Saltiel, R.C. "Compartimentazione del complesso exocyst in raft lipidici controlla GLUT4 vescicole tethering." Mol. Biol. Cellula (2006) 17, 2303-2311

19. Lakdawala1977
Dilnawaz R. Lakdawala e Elsie Widdowson M., "La vitamina D nel latte umano," The Lancet (1977) Volume 309, Issue 8004, 22 gennaio pagine 167-168.

21. Luo1996
J L Luo, F Hammarqvist, K Andersson, e J Wernerman, "Scheletrico glutatione muscolare dopo trauma chirurgico." Ann Surg. (1996) mese di aprile; 223 (4): 420-427.

26. Milstone1994
Leonard M. Milstone, Lynne Hough-Monroe, Lisa C. Kugelman, Jeffrey R. Bender e John G. Haggerty, "Epican, un eparan / condroitin solfato sotto forma di proteoglicani CD44, media l’adesione cellula-cellula," Journal of Cell Science (1994) 107, 3183-3190

27. Ojuka2002
E.O. Ojuka, T.E. Jones, L.A. Nolte, M. Chen, B.R. Wamhoff, M. Sturek, e J.O. Holloszy, "Regolamento di GLUT4 biogenesi nel muscolo: prova per il coinvolgimento di AMPK e Ca2 +," Am J Physiol Endocrinol Metab (2002) Vol. 282, NO. 5, maggio.

29. Reeve1981
Lorraine E. Reeve, Ettore F. DeLuca, e Heinrich K. Schnoes, "Sintesi e l’attività biologica della vitamina D3-solfato," Il Journal of Biological Chemistry (1981) Vol. 256. NO. 2. Jan 25, pp. 823-826.

30. Rodriguez1995
W. V. Rodriguez, J. J. Wheeler, S. K. I.imuk, C. N. Kitson, e M. J. Speranza, "Movimento Transbilayer e Net flusso di colesterolo e colesterolo solfato tra liposomiale Membrane", Biochimica (1995) 34, 6.208-6.217.

32. Scappola1995
Scoppola A, Testa G, Frontoni S, Maddaloni E, Gambardella S, Menzinger G e Lala A. "Effetti dell’insulina sulla sintesi del colesterolo nel tipo II pazienti con diabete," Diabetes Care (1995) 18: pp. 1362-1369.

35. Strott2003
Charles A. Strott e Yuko Higashi, "Il colesterolo solfato in fisiologia umana: che cosa è tutto questo?" Journal of Lipid Research (2003) Volume 44, pp. 1268-1278.

36. Wahlund1991
Wahlund, T. M. C. R. Woese, R. W. Castenholz, e M. T. Madigan, "Un batterio termofilo zolfo verde da sorgenti di acqua calda Nuova Zelanda, chlorobium tepidum sp." Nov. Arch. Microbiol. (1991) 159: 81-90.

38. Wilson2003
Robert F Wilson, Jeffrey F Barletta e James G Tyburski,"Ipocolesterolemia nella sepsi e criticamente malati o feriti pazienti" Terapia intensiva 7: 413-414, 2003. http://www.medscape.com/viewarticle/511735_2

Related posts

  • La carenza di B12 cause

    Vitamina B12: carenza di Introduzione vitamina B12 è la mancanza di una quantità sufficiente di vitamina B12 nel corpo che per una salute ottimale. La carenza di vitamina B12 è una condizione comune …

  • DMSO il vero miracolo soluzione, zolfo DMSO.

    A causa l’allarme nucleare in Giappone e la sua probabilità di influenzare gli Stati Uniti e in altre parti del mondo, ho deciso di portare questo articolo che ho scritto per le s Dot connettore Magazine “…

  • Cure per la carenza di ferro, per curare la carenza di ferro.

    La carenza di ferro è comune tra le persone con HHT ed è principalmente una conseguenza di sanguinamento dal teleangectasie nel rivestimento del naso e del tratto intestinale. La carenza di ferro tende ad essere al tempo stesso …

  • La carenza di B12 cause

    Altre cause sono in fase di alcuni tipi di chirurgia bariatrica che rimuovono parte dello stomaco; proliferazione batterica, che compete per la vitamina B12; e il consumo di alcol. Gli anziani sono a …

  • Dieta per carenza di vitamina B12 l’anemia

    I vegetariani, vegani e gli anziani sono ad alto rischio di sviluppare carenza di vitamina B12 attraverso i cambiamenti nella loro dieta, secondo una revisione di studi scientifici pubblicati nel Journal of …

  • Caso di carenza di ferro anemia, l’anemia hipoproliferativa.

    Reticolociti di solito la prima fase rilasciato dalla osseo nel periferico citoplasma sangue può essere leggermente blu-rosa a causa di RNA residua (policromasia) sintesi dell’emoglobina RBC s coinvolge 2 …